Odissea di un abete bianco

La festa della Pita di Alessandria del Carretto   Calabria settentrionale, Alessandria del Carretto, minuscolo centro abitato del cosentino, ultimo baluardo calabro letteralmente a un passo dall’affollamento degli aspri e selvaggi calanchi lucani. Dopo che nel lontano ‘600 un boscaiolo ebbe trovato un’immagine di Sant’Alessandro Papa Martire all’interno di un tronco d’abete, si cominciò a …

Cosa vedere a Bari in un giorno: passeggiata nel capoluogo pugliese

Culla delle reliquie di San Nicola, Bari è il capoluogo del Tacco dello Stivale. Affacciata sul Mar Adriatico, gode del piacevole clima mediterraneo tutto l’anno, o quasi. Seppur a molti possa dare l’impressione di essere una grigia e cupa città, impersonale e senza nulla di entusiasmante, al contrario sarà in grado di sorprendervi. Perciò oggi, …

BLOGGER RECOGNITION AWARD – la nostra prima volta!

Vi starete chiedendo: cos’è questo Blogger Recognition Award?! Tre paroline che in questi giorni impazzano sui social di tutti i blogger, ma la realtà è che fino a  pochissimi giorni fa non sapevamo neanche dell’esistenza di questa ricorrenza/evento/bohnonloso. Lo abbiamo scoperto grazie alla nomination di Sandra di Passaporto e Colori, Andrea di Happily on the …

Amsterdam – Passeggiate bidimensionali

Ritornare al punto di partenza è sempre un ottimo modo per ricominciare a esplorare. La stazione centrale costituisce un riferimento troppo comodo perché sia messo da parte. Dalla disordinata scacchiera di partenze e arrivi, con la Centraal alle spalle, si decide spesso di puntare a Est e attraversare un’area tutto sommato rassicurante, poiché costellata di …

1°maggio OnTheRoad – Prima tappa: Matera

Cercavo un suono onomatopeico che riproducesse il graffiare della gatta sulla porta ma niente da fare, non ce l’ho fatta. Be’, c’è la mia gatta che “bussa” alla porta della mia camera e con assiduità esclama Miaaaaooo, più pecisamente Maaaooouuu, questa l’ho beccata, almeno. Io sto dormendo. Poi mi sveglio. Che cazzo, Cassa’… mi alzo, …

Amsterdam – Vecchi balocchi urbani

Sta calando il sole mentre il treno riparte alle mie spalle. Un Aprile gelido si accovaccia sotto l’enorme volta della Centraal Station, che accoglie vento freddo, nomadi e turisti. Amsterdam mi stringe la mano con l’inganno del crepuscolo, i cui colori caldissimi si prendono gioco degli umani e li rendono ancor più sensibili alla diafana …